Le Fate - effetti di oggetti, peculiarità, comportamenti

Editti e Documenti relativi

 

Effetti di oggetti  

Malachite

Non possedendo apparato respiratorio non subiscono alcun effetto. Al contatto cutaneo nessun effetto.

 

Acqua di Fata

Nessun effetto.

 

Cristallo lucente di Mot

I Cristalli potranno essere usati per forgiare oggetti di piccole dimensioni, monili e simili, così come fonte di illuminazione se tenuti interi e usati in quantità pari o superiore a 3. Se venisse usato in chat, genererebbe un bagliore assolutamente inoffensivo simile per illuminazione ad una torcia di luce fredda che si spegnerà nel giro di 30 minuti.

 

Polvere di Fata

L’uso della Polvere conferisce a chi la utilizza un immediato luccichio su tutto il corpo. L’effetto dura per soli cinque minuti. L`effetto generale riscontrato in tutte le razze permane presente sia in forma eterea che in forma umana. Le controindicazioni riscontrate riguardano il contatto con gli occhi: la fata reagirà per rimuovere la polvere dagli occhi per rimediare ad una semplice reazione di fastidio. Qualora la polvere venisse ingerita dalla fata, la stessa proverà fastidio e la espellerà come farebbe (per esempio) se avesse in bocca della sabbia finissima. Non è possibile, altresì, alcun tipo di reazione per inalazione viste le caratteristiche anatomiche della razza.

 

Erbapipa

Apparato respiratorio assente. È fisicamente impossibile fumare.

 

Spezia di Palo

Nessun effetto e, di conseguenza, nessuna controindicazione.

 

Bacca di Honorius

Una bacca sulle Fate dura mezz’ora (tre azioni) come su ogni altro essere, ma è sicuramente più dannosa. Procura dispersione di energia, un volo sfrenato ed incontrollabile. Sono praticamente impossibili da prendere e vedere ad occhio nudo, ma rischiano di esplodere. Un’eccessiva assunzione di bacca porterebbe sicuramente alla morte. Dopo tale effetto la Fata si ritroverà distrutta e priva di energia e si vedrà costretta a rigenerarsi per un po’ per poter tornare briosa e volatile come prima dell’assunzione. Alla luce degli effetti che ha la bacca sulla razza Fatata, qualsiasi Fata sarà impossibilitata - dal momento dell`assunzione - ad assumere la Forma Umana. Quanto detto è dovuto all`effettiva difficoltà, per chi assumerà la bacca, di avere alcun tipo di controllo sulla struttura energetica del proprio corpo.

 

Fiore d'essenza

Subiranno un'accentuazione del loro carattere nei confronti dell`utilizzatore; a seconda della loro indole, saranno decisamente più timide, sensuali, orgogliose, scontrose, romantiche, ecc.
Si noterà il cambiamento da come si presentava in precedenza il carattere della Fata. L`ingestione di tale fiore renderà più intenso il bagliore di cui è composta e lo si noterà da subito, risultando più visibile.

 

Ghiaccio Perenne

Le Fate sono composte di energia magica, questa particolare pelle trattiene all`interno del corpo della fata la temperatura energetica conferita al momento della nascita, e non permette alle temperature esterne di influenzarne la variazione. Non percepiscono il freddo causato dal ghiaccio perenne per assenza di termorecettori, perciò su di loro non ha nessun effetto.

Fungo Pong Fer Konig

Il gusto che una fata proverà sarà dolce. La peculiarità delle fate è che qualunque sia la forma in cui assumono il fungo queste, raggiungeranno le dimensioni pari ad 1/10 di quelle possedute nella forma eterea. Si riscontreranno gli Effetti Generali relativi all’utilizzo del fungo, anche in questa razza.

 

Caratteristiche, comportamenti, peculiarità  

Gravidanza

Non possono avere gravidanze.

 

Navigazione

Nessun malus.

 

Fasce di età

Non è soggetto ad invecchiamento, essendo eterno.

 

Malattie conosciute

- Avvelenamento da metallo
- Melanconia

 

Cause di morte

- Ferite di media e grande entità, non curate con l`aiuto del bagliore di altri esseri fatati. Maggiore sarà la ferita, maggiore dovrà essere il numero di fate che si adoperano alla cura.
- Decapitazione e/o amputazione di qualunque parte del corpo: nel secondo caso è fondamentale ricorrere al supporto di altre fate per poter consentire la corretta rigenerazione del punto in cui è avvenuta l`amputazione; in caso ciò non avvenisse, sopraggiunge la morte eterea.
- Dispersione energetica per volontà: melanconia - cambio razza in Umano.
- Uso eccessivo di energia (per esempio nel prolungare la concentrazione energetica per il passaggio alla forma umana ), sostare e/o risiedere in luoghi ricchi di metallo (quali miniere o gabbie le cui barre siano esclusivamente fatte di metallo).
- Permanenza prolungata di un arma in metallo all`interno del corpo della fata, associata ad ulteriore perdita di energia o ferite.

 

Ubriachezza

Le fate non sono soggette all`ubriachezza. Tutto ciò che ingeriscono, sostanze alcoliche incluse, viene assimilato e tramutato nell`energia stessa che compone il loro corpo.

 

Veleni

Quali creature fatte di energia, sembrano non poter essere intaccate da alcun tipo di veleno, l`unica eccezione esistente è lo Sporazoico che, essendo costituito in parte da metalli, riesce ad intaccarne l’energia addensata. Tale veleno a contatto con la fata avvierà un processo di forte dispersione energetica. Se la fata venisse in contatto con piccole dosi di veleno Sporazoico, gli effetti si manifesterebbero immediatamente, causando una disgregazione dei tessuti, la quale comporta una sparizione istantanea della parte del corpo che viene a contatto con il veleno. Se la fata si trova in forma umana, al momento del contatto con il veleno, oltre ai danni che riceve per contatto con il veleno si rimuterebbe nella propria forma eterea.
Se dovesse ingerirlo i danni causati potrebbero essere maggiori, maggiori le dosi maggiore la dispersione fino al passaggio forzato nello stato astrale.
Un pronto intervento di un gran numero di fate disposte ad implementare l`energia della fata intaccata dal veleno potrebbe ridurre la probabilità di una morte eterea.
 

N.B. Si ricorda che una fata si trova sottoforma astrale solamente in caso di morte eterea
*per danneggiare si intende una dispersione veloce dell’energia addensata di cui è fatta la fata.

 

Tatuaggi

 

Epidermide: liscia, setosa e di un rosa tenue e candido.
Effetti: Impossibilitate. In qualsiasi forma altro non sono che energia. L`inchiostro rilasciato, dunque non solo non incontrerebbe derma su cui fissarsi, ma verrebbe immediatamente trasformato in energia. La pelle, o meglio l`energia si sposterebbe per far passare l`ago, che comunque è di metallo. L`ago di metallo può essere dannoso se inserito nella pelle della fata, perchè anche se piccolo attaccherebbe subito l`energia della fata.

 

Incroci possibili a fini riproduttivi

Le Fate non si riproducono per via sessuale.

 

 

La Melanconia delle Fate

La Melanconia, per le Fate, è una vera e propria patologia psichica. Una forma di depressione che porta la Fata a disperdere la propria energia volontariamente, in pratica una Malattia mentale che ha conseguenze fisiche. Tale patologia porta la creatura a rifiutare la sua attuale condizione di Fata, pertanto possiamo definirla una malattia di estraniamento e perdizione. Il Senato dei Clan ritiene doverosa una spiegazione più esaustiva su questa specifica Malattia, fino ad oggi presentata con troppi punti oscuri.

La Melanconia è una patologia che danneggia una Fata con graduali condizioni, si può suddividere in due stadi, uno inizialmente mentale e l`altro più fisico.

Stadio uno: la Fata perde il senso delle distanze. Il contatto con le altre Fate le provoca estremo fastidio. Volare gli diventa sempre più innaturale, e percepisce un forte disagio interiore, cominciando ad assumere le Sembianze Umane, non per necessità e neanche per mascherarsi, perchè scopre che in quel modo il suo disagio viene considerevolmente alleviato, anche se non ne comprende appieno il perchè. Di conseguenza prova a forzare più volte il limite massimo consentito per mantenere quella forma.

Stadio due: è lo stadio avanzato che comporta ripercussioni fisiche. La Fata non è più in grado di mantenere le Sembianze Umane che ha cominciato improvvisamente ad amare (cosa anomala tra le Fate degne di questo nome e che sanno giocarsi la razza). Da qui comincia la graduale dispersione di Energie, ciò ne consegue che non è più in grado di emettere neanche il suo Bagliore Fatato. La dispersione di Energie è "inconsapevolmente" volontaria. La Fata rifiuta il suo essere e le energie perse non gli consentono più neanche di inglobare le energie presenti in natura [ Bonus Energetico ]. L’energia della Fata, in questo contesto, sta perdendo la sua forza, l’addensamento dei microcristalli che altro non sono le cellule della Fata non sono in perfetto equilibrio col “Nucleo Pulsante Magico”, trattandosi appunto di una malattia psichica della stessa. La Fata di conseguenza viene spinta a provare le consuete azioni al fine di mantenere ancora pura e forte l’energia, passa lunghi stati in un torpore immobile, che può essere confuso, per chi ne ignora il motivo, in quel di una Fata che dorme o, in casi in cui lo ha già fatto, Mangiare e Bere in quantità tali da credere che il rigenero d’energia sia compiuto.

Trattandosi di una grave Malattia - l`unica in grado di colpire una Fata - possiamo continuare il discorso parlando di Guarigione o Morte.

Fin ora quella che è stata definita come "Morte per Melanconia" riguarda una Fata affetta da tale patologia e già al secondo stadio che, all`estremo delle sue forze, ha tentato un`ultima volta la trasformazione in sembianze Umane, scoprendo tuttavia di non poter più tornare indietro [Cambio Razza in Umano], decretando quindi la morte della Fata e praticamente la totale dispersione di Energie.

Non ci sono ancora stati casi di Guarigione, ma si suppone che una forte vicinanza alle altre Fate, inevitabilmente forzata dato il distacco descritto nel primo stadio, possa contribuire alla sua ripresa
   
Compatibilità con Gilde e Mestieri  

Paratico di Governo

 
Corte di Giustizia  
Ammiragliato Ducale  
  Guide di Lot  
Cavalieri di Themis  
Ordine dei Cerusici  
Corte di Mot  
Furie di Mot  
Detentori dell'Arcana Saggezza  
Regia Compagnia delle Armi  
Corte del Nibbio  
Corte della Signora  
Corte di Erik  
Ordine dei Mecenati  
Corpo dei Dragoni  
I Picari  
Banda dei ladri  
Reggia dei Miserabili  
I Pirati  
Sacro Ordine del Leone  
Paladini dell'Antico Codice  
Orda dei Barbari  
Ordine dei Samurai  
Cavalieri Erranti  
Masnada dei Mercenari  
Scorpioni di Antares  
Armata Ducale  
Cavalieri di Simeht  
Cavalieri Neri  
Masseria di Lot  
Sensali di Lot  
Convivio degli Appassionati di Belle Arti  
Reggimento Legio Victrix  
Compagnia Teatrale  
Compagnia dei Musicanti  
Bardi di Lot  
Ordine dei Maghi dell'Alba  
Ordine dei Maghi del Crepuscolo  
Congrega delle Streghe  
Ordine dei Maghi della Notte  
Stregoni della Setta Oscura  
Ordine Sacerdotale di Themis  
Chierici di Lot  
Signori dei Draghi della Luce  
Confraternita dei Druidi  
Tribù degli Sciamani  
Custodi dell'Ade  
Setta dei Necromanti  
Signori dei Draghi delle Tenebre  
Monaci di Simeht  
Ateneo delle Scienze Naturali  
Ordine degli Alchimisti  
Combutta del Piccolo Popolo  
   

F.A.Q. Razziali

Bagliore e colore delle ali

Il bagliore delle ali di una Fata può cambiare? E il colore?
Il bagliore è e rimane dello stesso colore delle ali, se descritto che sia uguale, assumendo una tonalità più o meno accentuata, a seconda di come la fata decida di mostrarlo e a seconda dell`uso che debba farne.
Le ali non mutano di colore come quelle dei Folletti, da un tono definito ad un tono altrettanto definito, bensì assumono, in sfumatura, le tonalità di ciò che le circonda, anche durante il volo.

 

Preparazione di pasti a base di carne

Una Fata può cucinare e mangiare carne?
Le fate sì, sono esseri puramente legati alla natura e talvolta vivono in relazione con essa, ma ciò non influenza affatto sulla scelta di voler ingerire o meno della carne. Ciò può avvenire, a discrezione della fata che è libera di mangiarla, in quanto ritenuto soggettivo. Può essa dipendere dall`allineamento, dal carattere, dalle abitudini o dalle situazioni. Ovviamente essendo il metallo un materiale dissonante con le fate, la carne va cotta in tegami di coccio, legno o quant`altro la fantasia e il buon senso suggeriscono.

 

Fate e sentimenti

Ma le fate possono provare sentimenti e quindi, sotto influsso del fato, provare emozioni negative come lo sconforto e la depressione?
Sì, è possibile.

 

Tagliare i capelli

I capelli della fata, se vengono tagliati ricrescono?
I capelli recisi spariscono come tutte le parti del corpo (nel capitolo Morte e ferite dell'anatomia):
Ogni parte eventualmente amputata, ali comprese scomparirà in breve tempo) creando, a seconda delle quantità tagliate, dispersione spossatezza e/o dolore. Ricresceranno come tutte le altri parti con una concentrazione (rigenerazione energetica) della fata se il taglio è relativamente irrisorio o con l`aiuto di altre fate e quindi del loro bagliore se è più consistente.
Ovviamente ricresceranno della stessa lunghezza precedente nè più nè meno, e la loro crescita è immediata.

 

Fate combattenti

E' ragionevole vedere Fate che combattono o partecipano ad azioni di guerra?
ANATOMIA AVANZATA - Carattere:

Il carattere delle fate, femmine o maschi, è poliedrico, infatti si possono annoverare innumerevoli sfaccettature di questo: vi sono Fate che risaltano sulle altre per la loro allegria, contagiando spesso chi sta loro intorno; alcune sono sensuali, accattivanti, amano mettere in imbarazzo le persone. Vi sono anche quelle malinconiche per natura, delicate e fragili più delle altre, sono fate buone per eccellenza. Altre ancora sono sincere romantiche e sognatrici. Poi vi sono quelle dispettose, diffidenti, scaltre, vanitose, seduttrici e convincenti e altre scontrose, orgogliose, particolarmente irritabili e con nessuna propensione verso gli altri, egoiste ed opportuniste, totalmente incuranti nei confronti del prossimo.


La descrizione del carattere poliedrico della razza ci permette di contemplare una vasta gamma di scelte di gioco. Quindi la Fata oltre a poter essere intepretata come generosa, allegra e distante da ogni forma di violenza, può anche essere intrepretata come poco propensa agli altri, opportunista, che si venderebbe perfino l`acqua per poter trarre qualche vantaggio personale. Il doppio allineamento (positivo/neutrale) fa si che tutto questo possa essere contemplabile, quindi corretto ongame.
 

 

Descrizione forma astrale

E' corretto inserire nella scheda del proprio PG una descrizione della sua forma astrale?
Secondo l`attuale anatomia la forma astrale non ha più caratteristiche che la rendano "descrivibile". In particolare:
La forma Astrale non verrà mai osservata in ambiti fisici e reali, poiché è nel piano Astrale che la sua energia dimora, nessun essere avrà quindi occasione di percepirla
 

Forma Astrale:
E` Energia Pura impalpabile, non parla, non ha tatto, non ha fattezze. E` assolutamente esterna al piano fisico reale, non ne risente, non ne è in alcun modo influenzata e non può interagire con esso.

 

Brillio in forma umana

Le Fate in forma umana brillano?

In sembianza umana non è possibile usare alcuna forma di "luminescenza" poichè l'energia della Fata è impegnata a mantenere la sembianza stessa. Il bagliore è una caratteristica che la fata può gestire a suo piacimento, da spento a massima espansione, ma esclusivo della forma eterea.
Al più, si può dire che passiamo dalla forma eterea a umana espandendo "al massimo e oltre" il nostro bagliore, che va praticamente a delineare la forma extralarge e si concretizza.
Il fatto di assumere sembianza umana non va a modificarne la struttura interna, che rimarrà la medesima.

 

Cambio razza e gravidanza

E' possibile cambiare razza in Umana, restare incinta e poi tornare Fata dopo il parto?

Dopo aver cambiato razza in Umani occorre mantenere la nuova razza almeno 6 mesi (4 mesi periodo di gravidanza) più 2 mesi di svezzamento del nascituro.
Il cambio razza da Fata ad Umano può essere svolto nelle seguenti modalità:
- Melanconia (solo per PG di razza Fata)
- Quest con il Fato
- Rituale con gilde magiche e mistiche
(vedere lo schema sui cambi razza)
Successivamente si organizza la giocata per tornare Fata, tenendo in considerazione i tempi: ci deve essere una motivazione valevole e per farlo nella maniera ottimale la procedura è quella della Khandra. In base all'allineamento si può anche scegliere una Gilda preposta.
In questo modo però viene perduta l`anzianità di Razza. Inoltre andrebbe persa anche la memoria passata, quindi l'Umana tornata Fata si ritroverebbe con un figlio umano di cui non ha memoria.

 

 

Ultimo aggiornamento: 29/07/2012

Torna alla HomePage

 

Web master: Nemesys. Proprietario: Odette.